© 2019  by PierattiniDesignStudio
 

  • Facebook B & W

Follow me on Facebook

Beatrice Gallori was born in Montevarchi in 1978.

She got her Leaving Certificate in Classical Studies at the “Cicognini” Institute in Prato in 1996.

In 2001, her passion for fashion and design led her to attend the Polimoda Institute in Florence, where she specialized in Fashion Design and Knitwear.

As she studied fashion, she developed an appetite for experimenting with painting: her first works portrayed her natural ability to use matter, conferring width and life to her canvases, through both instinct and emotional drive, using recycled materials.

In 2009 she was part of the collective Arte in Vetrina-Prato, giovani talenti emergenti, an exhibition of young talents, curated by Giovanni Faccenda.

In 2010 she created some hand-painted knitwear designs for the brand Bettaknit which they developed as a full collection.

Following this experience, she started to conceptualize her work, focusing on the possibility to create motion on canvas in an attempt to freeze and display the momentum. So her first sculptures of the third dimension were born, drips of paint trapped in a timeless dimension, crystallized in the fragment of an instant, before their drop.

In 2011, her sculpture To Red-ing Future became part of the catalogue Premio Combact.

In the same year, one of her “drips”, Milk Walking, was chosen by art critic Arturo Schwartz for the Sotheby’s Contemporary Art auction in Milan, to support the Israel Museum in Jerusalem.

Her ceramics collection Linguaggi in Milan was met with great favour.

In 2011, she took part to Art Verona and then to the project Artisti a KM 0 in the Luigi Pecci Contemporary Art Museum in Prato, displaying her work and a video entitled 

I miei respiri.

In 2012, she presented an installation created ad hoc for the Knitwear international day supported by the Province of Prato, with the collaboration of the Prato Textile Museum.

Her endeavours  with galleries and exhibitions, both in Italy and abroad, intensified.

One of her works was selected for BAU10, a contemporary art container, and entered the Zavattini Collection of the National Library in Florence.

In 2013, she started collaborating with the Armanda Gori Arte gallery (PO) which took her work to various art fairs and broadened her audience.

Her work evolved and matured. Her canvases were masterful works with monochromatic, essential and pure materials.

The Prato Collective Urbana Vestigia was the occasion for her to experiment with other forms of expression and her video, Human crisis, was chosen by the Department of Culture and by the Department for Equal Opportunities as a symbol for the International day for the elimination of Violence against Women and one of her sculptures was laid in the main square in Prato.

At the end of 2013, her solo show Time Lapse was unveiled by Valerio Dehò at the Armanda Gori Arte gallery.

Her work gravitated around the cell and its mutations in the form of still frames of molecular motion which gave her the opportunity to delve into human differences and life itself.

In 2014 she was part of three collective exhibitions at the Armanda Gori Arte gallery in Pietrasanta with the works Rosso Contemporaneo, Plastica Italiana, Differenze.

In 2015 she exhibited at the Contemporary and Modern Art Town Gallery in Arezzo with the shows Evolve-ING and Plastica Italiana; Photissima in Venice; Microscope at the Armanda Gori Arte Gallery in Pietrasanta; BIOsphere at the Mural Painting Museum in Prato.

A personal exhibition at the Riccardo Costantini Contemporary art gallery in Turin entitled #differences and an exhibition in the wards of the Hospital in Sassuolo entitled Origins drew the year to a close.

She collaborated with Lara & Rino Costa Arte Contemporanea, in Valenza and Riccardo Costantini Contemporary in Turin which showcased her work at the ArteFiera in Bologna in 2016 and other art fairs, introducing her to both the national and international market.

In 2016, her work titled BOOM became part of the permanent collection of the Bocconi University in Milan.

In June she showed The Cell in the Vecchiato Arte gallery in Padua, curated by Luca Beatrice.

At the end of 2016, her solo show, CORE, curated by Luca Beatrice and Maurizio Vanni, opened at the Lu.C.C.A. Museum.

In March 2017 she presented at the Gallery Lara & Rino Costa of Valenza her personal exhibition titled m(others).

In December 2017 she participated again in BAG with her BOOM work at the Bocconi University in Milan.

 

In 2018 Beatrice Gallori shifted her research also in the field of sculpture that she made with recycled wood and polymer. This creates sculptures that float between mirrors in a game of balance between spherical forms and monoliths, to underline the precariousness of life.

 

In January 2018 she presented at LA TRIENNALE DI MILANO with her personal exhibition, curated by Angelo Crespi, Biological Rules of the cycle Materialmente and at the same time chosen by the critic Luca Beatrice for the exhibition IL MILLENNIO È MAGGIORENNE at the MARCA Museo delle Arti in Catanzaro with the support of Fabbrica Eos - Milan gallery - with which a collaboration relationship begins.

 

Her VAST installation on show at MARCA is acquired by the Rocco Guglielmo Foundation.

 

Also in January, together with the gallery Lara & Rino Costa presents at ArteFiera Bologna an installation titled Gaze, curated by Alessandra Frosini.

 

Two of her works come into the permanent collections of Lu.C.C.A. Lucca Center of Contemporary Art and the MAS Museum dello Splendore of Giulianova.

 

 

Also at the beginning of 2018, she collaborated with the AriaArt Gallery - Florence, London, Istanbul - and participated in the group exhibition in Florence, while preparing the personal exhibition Emotion Capture, curated by Alessandra Frosini, which will be inaugurated in April at the Istanbul gallery.

 

 

She currently works with Lara & Rino Costa Contemporary Art (Valenza), Vecchiato Arte (Padova / Pietrasanta), Fabbrica Eos (Milan) and AriaArtGallery (Florence / London / Istanbul) presenting her works in various Italian and foreign fairs and through exhibition projects that will be organized in galleries and museum spaces throughout 2018.

 

 

Her works are present in various Italian and international private and public collections.

Beatrice Gallori nasce a Montevarchi nel 1978.

Si diploma nel 1996 presso il Liceo Classico Cicognini di Prato.

Nel 2001 concretizza la sua passione per la moda ed il design frequentando l’Istituto Polimoda di Firenze specializzandosi in Fashion Design e Maglieria.

Con lo studio della moda nasce anche la voglia di sperimentare la pittura: le sue prime creazioni si contraddistinguono per la sua innata capacità di usare la materia dando alle tele spessore e vita attraverso istinto e getti emozionali per mezzo di vari materiali di recupero.

Dal 2008, espone in collettive in spazi pubblici e privati. 

Nel 2009, partecipa ad “Arte in Vetrina-Prato, giovani talenti emergenti” curata da Giovanni Faccenda.

Nel 2010, crea dei bozzetti di maglieria hand-made con interventi pittorici per il marchio Bettaknit che ne produce una vera e propria collezione.

Dopo queste esperienze nasce la volontà di concettualizzare il proprio lavoro, inizia così a studiare il movimento e a ricrearlo sulla tela: per lo spettatore cerca di bloccare “quel movimento” reso dalla natura unico e irripetibile ma fermato, prima della caduta, dall’artista stessa.  

Nascono le prime sculture che affrontano la terza dimensione, vere e proprie colate di vernice intrappolate e ferme in una dimensione temporale, cristallizzate in un istante, dopo la caduta, ma prima dell’atterraggio.

 

Nel 2011, la scultura “To Red – ing Future” entra a far parte del catalogo del “Premio Combact”. Nello stesso anno, una delle sue “colate”, “Milk Walking”, viene selezionata dal critico  d’arte, Arturo Schwarz, per l’Asta di Arte Contemporanea Sotheby’s a Milano a favore del Museo d’Israele di Gerusalemme.

Le ceramiche della collettiva “Linguaggi” a Milano riscuotono successivamente un grande successo di pubblico.

 

Partecipa ad ArtVerona 2011 ed entra poi a far parte del progetto “Artisti a km 0” presso il Museo di Arte Contemporanea Luigi Pecci, a Prato, installando all’interno del museo stesso un’opera e un video “I miei respiri”.

Presenta, nel 2012, un’installazione creata appositamente per la “Giornata Internazionale della Maglieria” patrocinata della Provincia e del Comune di Prato, con la collaborazione del Museo del Tessuto. 

Si intensifica il suo lavoro di collaborazione con gallerie italiane e presenta mostre, sia collettive che personali, in Italia e all’estero.

Una sua opera viene selezionata per “BAU10”, contenitore di arte contemporanea, ed entra a far parte della “Collezione Zavattini” (Biblioteca Nazionale Firenze).

 

Nel 2013, inizia la collaborazione con la galleria Armanda Gori Arte (PO) che porta le sue opere in varie fiere presentandole ad un ampio pubblico.

Il suo lavoro è in continua evoluzione e crescita. Le sue tele e le sue sculture presentano una maturità nel lavorare i materiali rendendo i lavori, ora completamente monocromi, essenziali e puri.

La collettiva pratese “Urbana Vestigia”, è l’occasione per sperimentare anche altre forme espressive ed il suo video, “Human Crisis”, è scelto dall’Assessorato alla Cultura e dall’Assessorato alle Pari Opportunità di Prato come simbolo per la “Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne” ed una sua opera scultorea viene installata in Piazza del Comune di Prato.

 

A fine 2013, presso la Armanda Gori Arte la personale “Time Lapse” presentata dal critico Valerio Dehò.

Le sue opere sono incentrate, adesso, sullo studio della cellula e dei suoi cambiamenti. Riporta nelle sue tele “fermi immagine” di movimenti cellulari che le danno la possibilità di indagare più profondamente le diversità umane e la vita stessa.

 

Nel 2014, partecipa a tre mostre collettive presso la “Galleria Armanda Gori Arte” a Pietrasanta: “Rosso Contemporaneo”, “Plastica Italiana”, “Differenze”.

 

Nel 2015, è presente alla “Galleria Comunale d’Arte Moderna e Contemporanea” di Arezzo con le mostre “Evolve-ING” e “Plastica Italiana”; “Photissima” a Venezia; “Microscope” alla “Galleria Armanda Gori” a Pietrasanta; “BIOsphere” al Museo di Pittura Murale a Prato.

Chiude l’anno con una personale dal titolo “#differences” presso la galleria Riccardo Costantini Contemporary di Torino.

Inaugura una mostra presso l’Ospedale di Sassuolo “Origins” portando nei corridoi dello stesso le sue opere insieme a Volontariarte.

 

Stringe collaborazioni con le gallerie Lara & Rino Costa Arte Contemporanea, Valenza, Riccardo Costantini Contemporary, Torino che presentano il suo lavoro ad ArteFiera Bologna 2016 ed in altre fiere d’arte contemporanea, entrando così nel mercato italiano ed internazionale.

 

Sempre nel 2016 una sua opera dal titolo “BOOM” entra a far parte della collezione dell’Università Bocconi di Milano.

A Giugno inaugura presso la galleria Vecchiato Arte di Padova una sua mostra personale dal titolo “The Cell” curata dal critico d’arte Luca Beatrice.

Chiude il 2016 presentando al Lu.C.C.A Museum la personale CORE curata da Luca Beatrice e Maurizio Vanni.

 

A Marzo 2017 presenta presso la Galleria Lara e Rino Costa di Valenza la sua mostra personale dal titolo m(OTHERS) con testo critico di Alessandra Frosini.

 

A Dicembre 2017 partecipa nuovamente a BAG con la sua opera BOOM presso l’Università Bocconi di Milano.

 

Nel 2018 Beatrice Gallori sposta la sua ricerca anche nel campo della scultura che realizza con legni riciclati e polimero. Nascono così sculture che fluttuano tra specchi in un gioco di equilibri tra forme sferiche e monoliti, a sottolineare la precarietà della vita.

 

A Gennaio 2018 è presente presso LA TRIENNALE  DI MILANO con una sua mostra personale, curata da Angelo Crespi, Biological Rules del ciclo Materialmente e nel contempo viene scelta dal critico Luca Beatrice per la mostra IL MILLENNIO È MAGGIORENNE presso il MARCA Museo delle Arti di Catanzaro con il supporto della  galleria Fabbrica Eos - Milano - con la quale inizia un rapporto di collaborazione. 

 

La sua installazione VAST in mostra al MARCA viene acquisita dalla Fondazione Rocco Guglielmo.

 

Sempre a Gennaio, insieme alla galleria Lara&Rino Costa presenta ad ArteFiera Bologna un’installazione dal titolo Gaze, curata da Alessandra Frosini.

 

Due sue opere entrano nelle collezioni permanenti del Lu.C.C.A. Lucca Center of Contemporary Art e del MAS Museo delle Splendore di Giulianova.

 

 

Sempre ad inizio 2018 stringe un rapporto di collaborazione con la galleria AriaArt Gallery – Firenze, Londra, Istanbul – e partecipa alla mostra collettiva nella sede di Firenze, preparando, nel contempo, la mostra personale Emotion Capture, curata da Alessandra Frosini, che sarà inaugurata ad Aprile nella sede di Istanbul.

 

 

Attualmente lavora con Lara & Rino Costa Arte Contemporanea (Valenza), Vecchiato Arte (Padova/Pietrasanta), Fabbrica Eos (Milano) e AriaArtGallery (Firenze/Londra/Istanbul) che presentano i suoi lavori nelle varie fiere italiane ed all’estero e attraverso progetti espositivi che saranno organizzati in gallerie e spazi museali, durante tutto il 2018.

Le sue opere sono presenti in vari collezioni private e pubbliche italiane ed internazionali.

BIOGRAPHY